Testudo hermanni hermanni

Legislazione

Inserita in Appendice II CITES

Origine

Italia (comprese le isole maggiori), regioni meridionali di Spagna e di Francia alla Romania e Bulgaria, Corsica 

Habitat

Pinete, zone collinari, zone boscose, ambienti costieri

Caratteristiche

Misurano 13-20 cm di lunghezza. La colorazione del carapace è chiara con i margini degli scuti neri. Si distingue dalla T. hermanni boettgeri, per le dimensioni ridotte, le macchie nere che corrono parallele sul piastrone e per una macchia gialla presente su entrambe le guance. Lo scudo sopracaudale è diviso in 2 parti.

Dimorfismo

I maschi sono più piccoli, presentano il piastrone piuttosto concavo, la coda più lunga e larga alla base e presenta l'apertura cloacale fuori dai margini del carapace. L'astuccio corneo è ben sviluppato.

Le femmine, oltre ad avere dimensioni maggiori, presentano il piastrone piatto

Allevamento

All'aperto tutto l'anno. La condizione ideale sarebbe recintare una porzione di giardino (sotterrando la rete per evitare fughe) con molte piante, nascondigli e zone d'ombra. Non dovrà mai mancare una ciotola dell'acqua che dovrà essere cambiata quotidianamente ed essere abbastanza grande da permettere all'animale di poter effettuare bagni. Se si decidesse di far convivere più esemplari insieme, bisognerà porre particolare attenzione al rapporto tra maschi e femmine che dovrà essere indicativamente di 1 a 3, per evitare stress inutili legati alla lotta per il territorio e per accoppiarsi con la femmina. 

Gli esemplari di questa specie sono attivi da marzo a novembre; nel restante periodo andranno in letargo, periodo essenziale per la stimolazione del sistema immunitario e del sistema riproduttore. È opportuno non disturbare gli animali, ma sarà consigliato un loro controllo periodico, in particolar modo la registrazione del peso. 

Alimentazione

Erbivora. Il 90% sarà composta da vegetali, mentre il rimanente 10% da frutta ed ortaggi. Potremo ad esempio piantare direttamente nel recinto le piante con cui l'animale si potrà alimentare liberamente, avendole sempre fresche (tarassaco, piantaggine, erba medica, dente di leone, trifoglio, malva, cicoria, ibisco); quotidianamente potremo integrare la dieta somministrando altre verdure. Saltuariamente possono assumere piccoli artropodi o anellidi (lombrichi). Una dieta corretta e bilanciata è il modo migliore per prevenire malformazioni durante l'accrescimento.

Piante che non dovranno essere presenti nel giardino ed accessibili all'animale sono, tra le altre: ranuncolo, oleandro, edera, felci.

Non somministrare mai

Cibi per cani e gatti, pane, pasta, legumi, banane, agrumi, latte e derivati, alimenti di origine animale.

A cura di Gianluca Deli